TECNOLOGIA E PELLE

Share

Forse non lo sai, ma i nostri compagni di ufficio e svago causano con il loro "calore" problemi alla pelle. Smartphone, tablet, notebook sono sempre più mini nei formati ma potenti nelle prestazioni. L'inquinamento elettromagnetico, oltre a contribuire all'aumento dello stress, dei disturbi al sonno e dell'irritabilità, può causare danni alla pelle.

  

 

Le onde elettromagnetiche infatti producono radicali liberi e accelerano il deterioramento delle sostanze che rendono giovane la pelle (elastina e collagene) responsabili delle rughe precoci. Colpiscono per lo più viso e collo favorendone la disidratazione. Per ovviare al problema è bene applicare al mattino delle creme idratanti con vitamine A - B - C.

Il mouse, ad esempio, rovina la pelle dei polpastrelli e dei palmi delle mani poichè composto da materiali gommosi o resine che, con l'uso continuo, sensibilizzano la pelle e scatenano fastidiose dermatiti. Per ovviare, ricorrere a creme per mani con estratti di camomilla oppure di calendula e achillea, inoltre è bene usare un mouse di colore chiaro, evitando quello nero più ricco di resine aggressive.

Il tablet e il notebook ripropongono gli stessi problemi del computer ma espongono a un ulteriore rischio, dato che  spesso vengono usati sulle gambe por comodità. In questo caso, possono scatenare reazioni di ipersensibilità cutanea detta "sindrome della pelle bruciata" con formazione di macchie permanenti. Preferire quindi non appoggiare mai gli apparecchi direttamente sulle gambe o spruzzare dell'acqua termale sulla pelle prima dell'uso.

  

 

 

Informazioni aggiuntive