COTTURA A VAPORE

Share

Salutare, gustosa, rapida ed ecologica, la cottura a vapore dei cibi è assolutamente il metodo ideale per salvaguardare le qualità nutritive degli alimenti. E' difatti una grande alleata della dieta mediterranea, ricca di verdure e ortaggi, perché permette di conservare tutte le proprietà nutritive. E' un metodo naturale di cottura che, non essendo a diretto contatto con la fonte di calore, mantiene integri tutti i nutrienti, cosa che non avviene con la lessatura o la bollitura, metodo attraverso il quale si disperdono nell'acqua i sali minerali e le vitamine. E' addirittura più sano della cottura al forno perché non comporta aggiunta di grassi.

 

I cibi più adatti per la cottura a vapore sono le verdure in genere e le patate che vanno cotte intere con la buccia. Poi troviamo il riso, il pesce e  la frutta. E' possibile cuocere anche le carni ma devono essere parti molto tenere o fettine sottili. 

Dunque quello a vapore è l'unico sistema di cottura che mantiene quasi integre le caratteristiche organolettiche e salutari degli alimenti. L'unica sostanza che si deteriora è la vitamina C anche se in misura minore rispetto ad altri metodi. Secondo alcuni però il gusto ne risente un po', ma in realtà è il nostro palato che ha perso il gusto originale degli alimenti poiché siamo troppo abituati ad aggiungere condimenti. In teoria non è necessario nemmeno aggiungere il sale nei cibi che prepariamo dato che la cottura a vapore mantiene tutti i sali minerali, comunque se vogliamo assecondare il capriccio di un gusto più saporito basta usare le spezie preferite. Cuocere a vapore è semplice basta usare un cestello porta verdure in metallo da applicare a una normale pentola con coperchio. Oppure esistono moderne vaporiere predisposte con cestelli di bambù che possono essere impilati uno sull'altro e cuocere contemporaneamente più alimenti diversi.

 

Informazioni aggiuntive