PATTO DEI SINDACI

Share

Il consiglio comunale ha deliberato l'adesione del comune di Catania all'iniziativa promossa dalla commissione europea e denominata "Patto dei sindaci" (covenant of mayors), un' iniziativa su base volontaria , per coinvolgere attivamente le città europee nel percorso verso la sostenibilità energetica ed ambientale. Il provvedimento, illustrato in aula dall'assessore ai lavori pubblici Luigi Bosco e

votato da 29 consiglieri su 30 in seduta di Consiglio, ha come obbiettivo quello di impegnare ciascun territorio facente parte della comunità europea a predisporre un Piano d'azione volto a ridurre le emissioni di CO2 del 20% entro il 2020 ed aumentare nel contempo del 20% il livello di efficienza energetica e del 20% la quota di utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili all'interno del mix energetico, in coerenza con quanto previsto dal protocollo di Kyoto, tutto questo compiuto attraverso politiche e misure locali che aumentino il ricorso alle fonti di energia rinnovabile, migliorino l'efficienza energetica e attuino programmi ad hoc sul risparmio energetico e l'uso razionale dell'energia. Questa iniziativa è volta a contrastare l'inquinamento atmosferico ma anche a ridurre la spesa degli approvvigionamenti energetici e a creare occupazione lavorativa nel settore delle energie alternative , e in particolare, in quello dell'energia solare che, considerata la posizione geografica di Catania rappresenta un settore economico con notevoli possibilità di crescita e sviluppo. Infatti, Il Comune di Catania nell'area industriale compresa nel territorio comunale, ospita uno dei più importanti e tecnologicamente avanzati stabilimenti europei per la produzione di celle e pannelli solari. E' inoltre opportuno, per il Comune di Catania, al fine di aderire all'iniziativa "Patto dei sindaci",condividere anche gli obbiettivi della campagna "Energia sostenibile per l'Europa" ovvero quelli di aumentare la sensibilizzazione dei responsabili delle decisioni locali , regionali, nazionali ed europee, assicurare un alto livello di sensibilizzazione,comprensione e sostegno dell'opinione pubblica. Stimolare il necessario aumento degli investimenti privati nelle tecnologie energetiche sostenibili e fornire alla città delle linee guida per la realizzazione di Piani d'azione locali, che contribuiscano a centrare gli obbiettivi europei attraverso interventi volti a sviluppare un cambiamento nei comportamenti quotidiani da parte della cittadinanza e delle imprese. Il Consigliere Comunale di Catania Giuseppe Musumeci considera questa un'iniziativa capace di favorire lo sviluppo della città in termini di energia sostenibile e rinnovabile, grazie alla quale Catania potrà usufruire di nuovi fondi. A tal proposito si assisterà ad una riduzione degli sprechi di energia grazie ad una maggiore sensibilizzazione della gente per un consumo sempre minore. Il Consigliere Musumeci sottolinea inoltre, che Catania si trova collocata tra gli ultimi cinque territori più inquinati al mondo e che soprattutto per questo motivo si ritiene necessaria l'urgente adozione di iniziative come questa in grado di ridurre le emissioni inquinanti e climalteranti. Il Consigliere ne evidenzia anche il paradosso più grande ovvero che in una città come Catania, su cui batte il sole nella maggior parte dei mesi dell'anno, il fotovoltaico è meno sviluppato rispetto alla Lombardia, un paradosso che ci aiuta a capire quanto Catania abbia bisogno di rinnovarsi e questa iniziativa rappresenta sicuramente un primo passo verso questo rinnovamento. Giuseppe Musumeci riguardo al suo programma politico, ci spiega che il suo interesse sarà rivolto maggiormente alle piste ciclabili, alla riqualificazione di alcuni Quartieri e al miglioramento dei mezzi di trasporto come l'AMT e anche la stessa linea BRT che secondo il Consigliere bisognerebbe estendere anche ai Quartieri periferici come il Pigno. Questo, ricorda Musumeci, è soltanto uno dei punti da risolvere perchè le migliorie da apportare a Catania sono davvero moltissime. Comunque sia, e di questo ne siamo certi, rappresenta un buon punto di partenza per un futuro migliore. Più ricco di fatti e meno di parole.

 

Informazioni aggiuntive