VERSO IL NATALE: "Voli spiari lu misteru di la Santa Trinitati"

Share

 

                                                                      

 

Pigghia lu cchiù gran specchiu ca ci sia

sia di cristallu finu, e sia na massa

tu guardi ad iddu, ed iddu guarda a tia :

Vidi ca  l’umbra to, dintra ci passa,

tu t’alluntani, ed iddu cancia via

lu specchiu senza macula si lassa

cussì fu Cristu, ‘nventri di Maria

si incarna, nasci, e vergini la lassa.

 Pietro Fullone 

(*) Poesia del  Sec. XVII

Traduzione 

Vuole spiegare il mistero della Santa Trinità

 Prendi il più grande specchio che ci sia/ sia di fine cristallo e sia scadente/ Tu guardi a lui e lui guarda te:/ Vedi che l’ombra sua  dentro si riflette,/ Tu ti allontani, e lui cambia il percorso/ lo specchio senza l’immagine resta,/ così fu Cristo nella pancia di Maria/ si incarna, nasce, e vergine la lascia./  

Informazioni aggiuntive