VERSO SANT'AGATA: Una poesia.

Share

 Nun c'è ventu, nun c'è acqua, nè bufera nè timpesta

casca u munnu ma a Frivaru a Catania si fa festa.

Si fa festa alla Patruna di Catania, virginedda ...

marturiata  finu a morti, sposa a Diu, nobili e bedda.

Fù Quinzianu, pritinnenti, ca ppi raggia e ppi dispettu

ordinò senza pietà di scipparicci lu pettu.

Alla morti di la Santa la città si 'nginucchiava

e lu focu di la lava  antrasatta s’arristava.

E accussì, annu ppi annu, nun c'è ventu nè timpesta

in unuri di la Santa a Catania si fa festa.

Tutti appressu alla Santuzza, Prisidenti, Cardinali...

Acchianata San Giulianu, Culliggiati, Cattittrali...

la Carrozza ddo Sinatu ccu li primi cittadini

Cannalori ca' annacata...Quattru canti ...i Cappuccini...

Li divoti tutti a fila... giuvineddi, nichi e granni

ca trascinunu la vara... e t'arrizzunu li carni.

Ccu li sacchi janchi janchi tira tira lu curduni

c'è cu 'nvoca la Santuzza... c'è cu preja a ginucchiuni.

E lu coru li suori... e lu Duomu...e li cantati...

e li viali... e li traversi... comu stiddi alluminati.

Bancarelli ccu turruni, cosi duci, cassateddi...

appustati strati strati, gnuni, viculi e vaneddi.

Ogni annu è tradizioni, nun spiatini pirchì ...

la sparata di li bummi chiazza Burgu... e a sira o trì

 Nun c'è ventu, nun c'è acqua, nè bufera, nè timpesta

casca u munnu ma Catania a Frivaru si fa festa.

 Lu splinnuri di la Santa,  l'emozioni di li genti

comu n'ecu ca cuntaggia tutti i cincu cuntinenti.

 Emigranti di luntanu... janchi, niuri, longhi e curti

arrispunnunu cchiù forti....semu tutti divoti tutti...

 Ma ‘na vuci... tra la fudda... si fa largu e  acchiana  jauta... 

E' la vuci di Catania: Cittadiniiiiii.... Evviva  Sant'Aita!

 

 

 

 

Informazioni aggiuntive