POESIA: L'amore di Montale per la sua "Mosca"

Share

L’Amore e i sentimenti puri, veri, profondi cantati da Eugenio Montale nella lirica “Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale” esistono ancora? Oggi è “alla moda” amare? Essere fedeli al proprio partner? Condividere tutta una vita con la stessa persona? Far dipendere la propria felicità da quella altrui? La poesia, tratta dalla raccolta Satura è sicuramente una tra le pagine più struggenti e pregne di significato della Letteratura Italiana. L’autore dedica e regala questi versi alla moglie Drusilla Tanzi, da lui affettuosamente soprannominata “Mosca” a causa di una forte miopia.

La sua amata, che nonostante vedeva a fatica le cose, sapeva sempre in ogni occasione scorgere la verità e carpire l’essenza. I suoi occhi sostituivano quelli del poeta e rappresentavano per lui una sicurezza,una certezza: erano la luce della sua esistenza; lo illuminavano e gli indicavano sempre la giusta via da percorrere. Il componimento è pervaso da un lacerante e profondo senso di perdita e di smarrimento, provocato dalla morte della donna. “Ho sceso, dandoti
il braccio, almeno un milione di scale/ e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino. Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio. Il mio dura tuttora……...” Mosca è volata via, adesso non è più al suo fianco. Il suo lungo viaggio è terminato. Nel cammino impervio della vita i due amanti hanno sceso milioni di scale, affrontato innumerevoli difficoltà insieme e condiviso altrettanti momenti…; ora il poeta sente ad ogni gradino una esasperata sensazione di vuoto, di solitudine. La miopia di Mosca era solo “apparente” e “fisica”. Il suo sguardo era profondo, molto più vispo, attento e penetrante di quello del compagno; ella lo guidava nella sapienza, nella verità, nella
saggezza, nella sostanza! “ Ho sceso, milioni di scale dandoti il braccio/ non già perché con quattr’occhi si vede di più. Con te le ho scese perché sapevo che di noi due/ le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate/ erano le tue”… 
 
 

Informazioni aggiuntive