POESIA PER TUTTI I SANTI: "E Ti livai l'ardica" di Giovanni Formisano

Share

E  TI  LIVAI  L’ARDICA

  ‘Nta  ‘na sacchetta di ‘na giacca vecchia,

di tant’anni sarvata,

truvai li fogghi tutti addisiccati

di ‘na soggira e nora,

unni c’è scrittu ancora:

 TI PENSO SEMPRE E NON TI SCORDO MAI.

 Sti dui paroli , scritti in talianu

na sti pampini sicchi,

mi vinnuru a purtari na la menti

un ricordu luntanu

di quann’era studenti…

Pri casu ti ‘ncuntrai na la banchina,

parravi furastera

e mi ridisti, ti vinni dappressu,

doppu t’avvicinai,

ti dissi tanti cosi munzignari,

ca era riccu assai,

c’avia casi e dinari

e tanti genti a li cumanni mei,

e tu cridennu a ddi munzignarii

ti dasti tutta a mia

studenti dispiratu,

carusu stravacanti,

riccu sultantu na la fantasia

e senza mancu un sordu di cuntanti !

Quantu fami pigghiasti mischinedda,

sultantu t’abbunnai

d’ottavi e di sunetti,

ma ‘nsordu miu non lu vidisti mai !

Di la to vita non ni sappi nenti,

fu un misteru prufunnu.

Sappi ca eri sula na stu munnu

senza nuddu parenti,

ca eri furastera

ma lu paisi to non sappi mai !

Quannu turnò lu ‘nvernu,

lu stissu comu fa la rinninedda,

‘na matina ca vinni non t’asciai !

Mi lassasti accussì senza un salutu,

senza dirimi addiu !

Tantu tempu non sappi cchi nni fu,

mi scrivisti ‘na vota

e pri tant’anni non ti visti cchiù !

Doppu tantu turnasti furastera,

turnasti  in primavera

ma turnasti cangiata,

eri patuta assai, eri malata

e mi dicisti “ non mi sentu bona,

staju vinennu di luntana via

unni c’è tantu friddu e tanta nivi

e ‘na sta terra vostra è primavera !

Vogghiu murìri ccà nmenzu a sti ciuri

na sta terra ‘ncantata di l’amuri,

unni speru ogni tantu

mi veni a visitari !”

E na matina di dda primavera,

mentri ca di lu mari

russu e svampanti spuntava lu suli

ti nni jsti pri sempri furastera !.....

Sti du pampini sicchi

ccu ddi paroli scritti in talianu

mi vinniru a purtari na la menti

‘ddu ricordu luntanu !

E ti vinni a truvari:

Quantu tempu girai

tra li fossi scurdati

unni non c’è ‘na lampa e non c’è luci,

non c’era mancu cruci.

Cc’eranu quattru ligna ‘nfracitùti,

na lantirnedda antica

vurricata a mità china di ruggia,

e c’era tanta ardica !

Povira furastera

di tutti abbannunata,

non hai na lampa, non hai ‘na prjiera

pricchì nascisti figghia di la strata !

L’ardica la livai,

ora è tutta pulita la to terra,

dumani tornu e ti vegnu a chiantari

un sgruppiddu di rosa

pri quantu non stai sula amica mia

na ssu lucali di duluri e peni,

avrai la cumpagnia di li ciuri,

li ciuri ca vulevi tantu beni!

N’autra vota criscirà l’ardica,

fossi cchiù assai di ora,

ma non lu sacciu, amica,

siddu ci arrivu pri livarla ancora !

 

                          Giovanni Formisano (*)

 

 

(*) Giovanni Formisano (Catania 1878-1962)

 

 

 

 

Traduzione

 

 

E  TI TOLSI  L’ARDICA

 

Nella tasca di una giacca vecchia,/ di tanti anni conservata,/ho trovato i fogli rinsecchiti/ di una suocera e nuora,/ dove c’è scritto ancora:/ TI PENSO SEMPRE E NON TI SCORDO MAI./

Queste due parole scritte in italiano/ in questi fogli sgualciti,/ mi hanno riportato alla memoria/ un ricordo lontano/ di quando ero studente…/ Per caso ti incontrai in una panchina,/ parlavi straniera/

E mi hai riso, ti venni dietro,/ dopo ti avvicinai,/ ti dissi tante bugie,/ che ero ricco assai,/ che avevo case e soldi/ e tante persone ai miei ordini,/ e tu credendo a queste bugie/ ti sei affidata a  me/ studente disperato,/ ragazzo stravagante,/ ricco soltanto nella fantasia/ e senza neanche un soldo di contante!/ Quanta fame prendesti poveretta,/ soltanto ti riempii/ d’ottave e di sonetti,/ ma un soldo mio non lo vedesti mai!/ Della tua via non seppi niente,/ fu un profondo mistero./ Seppi che eri sola a questo mondo/ senza alcun familiare,/ che eri straniera/ ma il paese  della tua provenienza non seppi mai!/ Quando ritornò l’inverno,/ lo stesso come fa la rondinella,/ una mattina non ti trovai! / Mi lasciasti così senza un saluto,/ senza darmi un addio!/ Per tanto tempo, non seppi più niente di te,/ mi scrivesti una sola volta/ e per tanti anni non ti vidi più!/ Dopo tanto tempo ritornasti straniera,/ ritornasti in primavera,/ ma ritornasti cambiata,/ eri assai sofferente eri malata/ e mi dicesti “non mi sento bene,/ sto venendo da molto lontano/ dove c’è tanto freddo e tanta neve/ e in questa vostra terra è primavera!/ Voglio morire qui in mezzo a questi fiori/ in questa terra incantata dell’amore,/ dove spero ogni tanto/ mi verrai a visitare!”/ E un mattino di quella primavera,/ mentre che dal mare/ rosso e scintillante spuntava il sole/ te ne sei andata per sempre straniera!.../ Questi due fogli rinsecchiti/ con queste parole scritte in italiano/ mi vennero a riportare alla memoria/ quel ricordo lontano!/ E venni a trovarti:/ Quanto tempo girai/ tra le fosse dimenticate/ dove non c’è né lampada né luce,/ non c’era neanche una croce./ C’erano alcuni legni logori,/ una lanterna antica/ metà sotterrata e piena di rugine,/ e c’era tanta ortica!/ Povera straniera/ da tutti abbandonata,/ Non hai un lampione, non hai una preghiera/ perché sei nata figlia della strada!/ L’ortica la tolsi,/ ora è tutta pulita la tua terra,/Domani ritornerò e ti verrò a seminare/ una rama di rosa/ in modo che non starai più sola amica mia/ in questo locale di dolore e pene,/ avrai la compagnia dei fiori,/i fiori che volevi tanto bene!/ Un’altra volta crescerà l’ortica,/ forse più di ora,/ ma non lo so, amica,/ se c’arriverò a toglierla ancora!/   

Informazioni aggiuntive