CLASSIFICA PREMIO LETTERARIO PATERNO' - TEDESCHI

Share

           PREMIO LETTERARIO "V. PATERNO' - TEDESCHI" 2012

                                          XIV EDIZIONE                                                     

                                         LE POESIE VINCITRICI

 

  

PRIMO PREMIO  

BATTEMINI LU PETTU         di Gaetano Petralia

  

Battemini lu pettu

cu senti ancora sangu 'ntra li vini,

e non giramu attornu

a muntagni di minzogni

ca stannu distrudennu

puru li 'ntagghi di la petra dura.

Venti di guerra tritunu li carni,

e annegghiunu ancora

seculi di storia....

e l'ummira assassina

ormai stravasau

dintra li nostri trubbuli cuscienzi;

vistennu a luttu matri

ca 'n hannu occhi chiù pi lacrimari.

Battemini lu pettu

ca la limarra stravasò li ciumi,

la natura in agunia

mmustra arvuli spugghiati,

malata la campia,

avvilinati mari,

annuvulati luna, suli e stiddi:

lu scempiu di tanti 'nvinsioni

di certi eminenti scinziati.

Battemini lu pettu

pri tuttu chiddu ca si vidi attornu,

casati a lu sfasciu,

ammazzatini, droga, sessu

rumpenu l'equilibriu di lu munnu.

Battemini lu pettu

a chistu puntu

ni resta di spirari

ca torna lu sirenu

e risorgi lu munnu a nova luci.

  

  

SECONDO PREMIO

MENTRI DORMI          di Melania Sciabò - Vinci

  

Ti vardu mentri dormi

nta lu silenziu, sonnira sireni

assicutanu nuvula accupusi

accordanu vuci stunati.

Non vogghiu ca mi senti lamintari

svacantu sulu quannu è notti

stu cori ca trabucca di feli.

Ti vardu e chianu chianu t'accarizzu

quantu vulissi firmari

quantu la cursa di lu tempu!

e turnari arretu di tant'anni

quannu la vita era na ciurera

e lu munnu na giostra di risati.

Ti vardu mentri dormi

lu sonnu ammazza forti duluri

scapicchia lacrimi di scunfortu

e li sbalanza nta funnu di 'n puzzu.

E allura, biniditta la notti

ca sciunni lacrimi agghiummarati

e timpesta di vita va straviannu.

Ti vardu mentri dormi

nta lu sonnu lu visu si stenni

s'addumunu l'occhi toi

e cu la ciamma di 'n cavaddu in cursa

scavaccannu mura di catrami

movunu sicuri li to passi.

Agghiorna, la notti s'arricampa

sirenu cu la vucca a risu

prutagunista di 'n distinu reu

secuti mputenti a ricitari

l'ultima parti ca Diu t'assignau.

  

  

TERZO PREMIO

NESCICI LI SCAGGHIUNI           di Costanza Isaja

  

Afferriti a sta manu

e nesci di lu limmu.

Veni!

Lu suli è stralucenti

e li ciuri

'mbriacanu l'aria d'oduri.

Veni!

La genti a circulu

canta canzuni

e "matri puisia", si pavoneggia,

sconcica cori e sensi.

Veni,

veni a ribba di lu mari,

unni la luna

t'ammogghia d'argentu;

unni li sonni

si fannu chiù duci.

Non lassari ca lu scuru,

comu paludi t'agghiutti...

veni fora e ridi,

ridi forti.

Nescici li scagghiuni

a cui, pi stracanacchi,

t'ammustra lu furcuni.

  

CLASSIFICA POESIA IN LINGUA ITALIANA

  

PRIMO PREMIO

PULVISCOLI DI SOGNI              di Rosamaria Di Salvatore

  

Scintille di sole

pulviscoli di sogni

sul mare verdazzurro.

Silenzio

nella quiete mattutina

odorosa di salmastro

e profumo d'infinito.

Solo il respiro dell'onda

nel canto melodioso

di risacca.

Guardo l'orizzonte lontano

e mi perdo

nella dolcezza dell'ora.

Piano piano adagio

la mia malinconia

nel cavo di una conchiglia.

E di nuovo con gioia 

sorrido alla vita.

 

SECONDO PREMIO

L'ISOLA DEL CUORE            di Antonella Cardella

 

Irrorata di notte

dall'argento della luna

inondata di giorno

dal miele inanellato

dei raggi del sole

cosparsa di fruscii

di languori

di fiori, di verde

un'isola

turba il mio cuore

vagabondo di speranze.

Percorro i suoi sentieri

silenziosa

in cerca del suono

struggente di violino

che talvolta turba le pieghe

del mio animo,

ma pur affannandomi

non raggiungo

la fonte della soavità,

anche se amo la mano

artefice del concerto.

E' un miraggio quest'isola?

Vive forse solo del riflesso

della luna e del luminio del sole?

Eppure se tu, vela

del mio essere, mi guardi,

sento reale l'isola del tuo cuore.

 

 

TERZO PREMIO

LA CHIUSURA DEL CERCHIO        di Carmela Tuccari

 

Si chiude il cerchio intorno

al maturare dei pensieri

nell'orto della memoria.

Il fabulare delle stagioni

nell'arco d'orizzonte che restringe

ripropone prati di calendule

e respiri di lune tra le piante.

Un susseguirsi d'immagini

che sovrappone al presente

sciarade non risolte del passato

mentre il futuro già appartiene ad altri.

Ora sui muri della casa

il sole affievolisce il suo gioco

nell'intreccio delle frondi

e dietro i vetri l'andirivieni

di figure note s'assottiglia.

Ferma sull'uscio l'attesa si scalda

alla tenerezza dei ricordi.

Quando l'alfa incontrerà l'omega

nell'ineluttabile abbraccio

si comporrà la chiusura del cerchio

e l'essenza della vita

mutata in polvere di luce

fluirà per i sentieri del silenzio

nelle correnti dell'infinito.

 

               **********************************************************

 

PREMIO DEDICATO AD ANTONELLO GERMANA' DI STEFANO

 

PREMIO SPECIALE PER LA POESIA IN LINGUA ITALIANA

a DI TE PADRE       di Giusi Baglieri

 

E io sono qua,

a solcare memorie,

a vuotare ricordi

su un foglio di carta

come fossero sillabe

distillate da nuvole.

Si posano sogni

di pensieri sfrodati

come fossero foglie

di un giardino d'autunno

che strappate dal vento

sulla terra s'adagiano e...

Come alberi spogli in attesa del fiore,

vanno i canti del cuore...

...vanno i pianti e il dolore.

Vanno lì a riposare

coi colori dell'anima perchè nuovi, al risveglio,

si tramutino in frutto.

Intanto van lì,

nell'antica dimora

sotto una manto di stelle

che accarezzano l'aria.

Difendon così

la viola del cuore,

la riparan dal gelo

sotto un humus d'amore.

Sono lì, come me, nel silenzio che trepida...

... E distillano lacrime

per lasciar "di te padre"

in solchi di figlio

una nuova semina.

 

PREMIO SPECIALE PER LA POESIA IN LINGUA DIALETTALE

a      BONANOTTI MAMMA          di Francesca Privitera

 

- Bonanotti mamma...

- bonanotti figghia mia

Addummisciti a matruzza

Fatti a cruci... e Avemmaria...

Accussì, sira 'ppi sira

'ncapizzava li cuperti

jù allatata scuru scuru

ma 'ccu tantu d'occhi aperti.

Na prijera a madunnuzza

na prijera a lu bamminu

na prijera a tutti i santi

'n fila suttu lu cuscinu.

E ripensu a certi notti...

'ccu li lampi e ''ccu li trona

tutti sutta lu so sciatu

ogni scusa era 'bbona

ppi spartirini lu lettu.

Chi era bellu... pari ajeri

accucciata e 'me suruzzi

cu da testa e cu de peri.

Nun si cunta cchiù lu tempu

ma lu tempu ormai ti torna

di li pagini cchiù belli

tutti li cchiù belli jorna.

E accussì, quannu la sira

prima d'astutari a luci

m'arribbuccu li cuperti

sentu l'ecu di 'na vuci...

- Bonanotti mamma...

- bonanotti figghia mia...

Addummisciti a matruzza

fatti a cruci.. e Avemmaria.

 

PREMIO SPECIALE PER LA POESIA IN LINGUA ITALIANA SEZIONE RAGAZZI

a      MIA MADRE      di Salvatore Ponzo

 

Una madre.

Mia madre,

proprio così.

Capelli morbidi al cuore.

I suoi occhi:

espressione di emozioni sempre leggibili.

Bocca piena di parole da dire

al momento giusto.

Un sorriso che mi colpisce

ed appaga

perennemente..

Smorfietta di semplicità

che le restituisce il candore

dell'infanzia mai persa.

La sua pacatezza

scioglie le mie ansie,

svelandomi un lato sempre nuovo di lei:

una scoperta inesauribile

che accompagna lontano 

il mio cammino.

Un legame 

sottilmente grande,

tratteggiato, totale,

sottolineato da una lieve sensazione di paura...

E' la vita.

Una madre.

Mia madre,

proprio così. 

 

 

 

 

 

  

 

Informazioni aggiuntive