COMUNICATO STAMPA

Share

Il Comune di Motta Sant’Anastasia e il medioevo, un binomio inscindibile, un marchio, un brand trainante nell’annunciato (dalla Regione) tour dei castelli nella valle del Simeto. L’ennesimo “volo magico” partirà sabato 28 maggio, dalle 17,30, area castello, su iniziativa del Comune, sindaco Anastasio Carrà, in collaborazione con Pro Loco, Associazione culturale “Amiche in erba”, locale Istituto comprensivo statale “G. D’Annunzio” e i tre rioni “vanto” del paese, Maestri, Vecchia Matrice e Panzera. Ingredienti della pozione galeotta: poesie, musiche, danze, esposizioni artigianali ispirate al medioevo. Al centro del dolce sortilegio le “muse” regina Bianca di Navarra e l’eroina popolana Jana di Motta,

figure mitiche, inesauribili fonti della fantasia locale collettiva nonché delle rinomate rievocazioni storiche a firma dei tre rioni.

Filo conduttore dell’ammaliamento: i componimenti di poeti e poetesse. Sulle loro ali le danze medievali delle graziose alunne dell’ultimo anno della scuola dell’Infanzia, i manufatti realizzati dai compagnetti della Primaria esposti all’interno del fiabesco castello normanno, fatato al punto da ospitare nei giorni scorsi riprese filmiche con personaggi in costume d’epoca. A elevare le note musicali, diretta dal maestro Davide Di Stefano, la pluripremiata Ensemble della Secondaria.

A mantenere alto il fluire delle fantasticherie medievali, sbandieratori e musici dei rioni Maestri e Panzera, e le danzatrici orientali del rione Vecchia Matrice. Ci sarà un gran vedere di prodotti dell’ingegno artigianale sulle copiose panche disseminate nella spianata del castello, ma la favola, tra versi e duetti d’amore, non finirà sino alle sinuose movenze conclusive di locali danzatrici medievali in onore delle regine della terra di Sicilia.

Informazioni aggiuntive