LA S.PASQUA: DETTI E PROVERBI PIU' COMUNI

Share

-"QUANNU PASQUA VENI DI MAJU..." (Si dice quando un evento  non potrà mai verificarsi);

 

-"CU N'APPI N'APPI DE CASSATEDDI 'I PASQUA" ( Chi ha avuto è stato fortunato, chi non ha invece avuto niente, è rimasto a bocca asciutta);


-"DI PASQUA 'A PENTECOSTE UN C'E' VIGGILIA" ( Dalla Pasqua alla Pentecoste, non c'è alcuna festa religiosa di mezzo);

 

- "ESSIRI LONGU QUANTU LA QUARESIMA" ( Dicasi di un tempo che sembra non finire mai);

 

-"A CRUCI CA POTTA UNU SULU, E' CCHIU' PISANTI" ( Soffrire in solitudine e non in compagnia, è assai più drammatico);

 

- "S'HA MANGIATU TUTTU E ORA FA QUARESIMA" (Ha sperperato tutto il patrimonio e ora non gli resta che...digiunare);

 

-"ITTARI A CRUCI 'NCODDU 'I NAUTRU, E' TRUPPU COMUDU" ( Accusare gli altri ignorando le proprie colpe, è assai comodo);

 

-"QUANNU NON C'E' SALUTI NE' DINARI, 'A VITA E' 'NCARBARIU" ( Quando non si possiedono ne salute nè soldi, la vita diventa un Calvario);

                                                 

-"ESSIRI CUNTENTI COMU LA PASQUA"(Essere contenti come quando si è durante giornata di  Pasqua).

 

 

Informazioni aggiuntive