I CHIOSCHI DI CATANIA

  • Stampa

I chioschi a Catania sono un'istituzione che nacque nel lontano 1896. In una città ben diversa dall'attuale vennero erette alcune strutture in legno dalla forma per lo più circolare e, dalle cui aperture a mo' di bancone-finestra, venivano proposte bibite fresche. Erano luoghi in cui si poteva sostare all'ombra di alberi per assaporare acqua e anice (zammù) e altri preparati semplici. I tre punti strategici, l'uno in Piazza Stesicoro (Costa), l'altro in Piazza Duomo (Vezzosi) e un terzo in Piazza Cavour (Giammona), accolsero ben presto anche signore e signorine accaldate e assetate dall'estivo sole cocente. 

 Nei primi anni del '900 venne emanata un'ordinanza che imponeva ai chioschi lo spostamento in zone meno centrali della città a causa degli ingorghi che si verificavano quando le signore sostavano per bere, pare che gli assembramenti di uomini creassero vari problemi di ordine pubblico. I chioschi dunque vennero trasferiti uno in Piazza Spirito Santo e gli altri due in Piazza Vittorio Emanuele III. Col passar del tempo il loro lavoro venne incrementato grazie all'introduzione di bibite a base di sciroppi alla frutta miscelati ad acqua gassata naturale che veniva prelevata da alcune fonti nei pressi di Palagonia. La più tipica bevanda da gustare al chiosco, allora come oggi, è una mistura di seltz, limone e sale particolarmente dissetante e naturale. Seguono e sono molto apprezzate il mandarino al limone, l'amarena, l'orzata, la menta, lo sciampagnino e decine di varianti alla frutta una più gustosa dell'altra. Corre l'obbligo sottolineare che gli sciroppi usati per la preparazione sono rigorosamente di produzione artigianale e che i bibitari si fanno concorrenza solo per renderli più apprezzabili.

All'origine i chioschi funzionavano e facevano affari solo nel periodo primaverile ed estivo quando la temperatura elevata garantiva una numerosa clientela; oggigiorno si sono moltiplicati come numero, sono aperti tutto l'anno, hanno diversificato le strutture esterne arricchendole di luci, piante, colori e tende da sole ma, soprattutto, sono diventati luoghi cult per le nuove generazioni che li utilizzano non soltanto per consumarne i prodotti ma anche per ritrovarsi con gli amici. E' di moda finire le serate mondane con una buona bibita al chiosco anche in piena notte. L'acqua frizzante è stata sostituita da seltz, i gusti e gli abbinamenti si sono ulteriormente arricchiti, il servizio è rapidissimo, la visione d'insieme spettacolare, il conto da pagare irrisorio. E' rimasta invariata la gestione familiare e la voglia di offrire un piacevole momento di ristoro, a lavorare gli sciroppi sono sempre le stesse famiglie che hanno dato inizio all'attività.

Lo stile di vita e il clima della città di Catania, unitamente all'ottima produzione ortofrutticola della nostra terra, hanno mantenuto viva una tradizione unica al mondo. I chioschi Vezzosi, Costa e Giammona sono sempre nelle stesse Piazze fieri del loro lavoro essi tramandano i segreti da padre in figlio con un occhio al passato e un'altro al futuro. Non si può venire a Catania e dimenticare di gustare un bibita in uno dei pittoreschi chioschi, è un'esperienza indimenticabile!