PARLIAMO DI ANGELI

  • Stampa

Da sempre l'uomo avverte vicino a sé delle entità invisibili ma presenti molto spesso benefiche ma talvolta anche malefiche, che lo accompagnano o lo ostacolano nella quotidianità. Queste figure vengono immaginate come angeli buoni e cattivi. La Bibbia narra della loro influenza sin dalla creazione dell'Universo. Tanto che, qualunque sia l'epoca, la cultura, la religione, la descrizione di questi esseri invisibili coincide con figure alate di forma umana, ne abbiamo riscontro in molteplici scritti o tradizioni tramandate oralmente. Il trascorrere del tempo non ha minimamente intaccato tale radicato convincimento popolare. Nel 1608 la liturgia della Chiesa cattolica ufficializzò la loro devozione con l'istituzione della festa degli Angeli Custodi che venne fissata il 2 ottobre da Papa Clemente X. Negli ultimi decenni è esploso in tutto il mondo uno straordinario fenomeno mediatico che, partito dall'America, ha riproposto all'attenzione popolare la tematica degli angeli.

 

Spesso tali narrazioni sconfinano dal credo religioso alla magia e molte testimonianze risultano davvero poco credibili ma il fenomeno è inarrestabile. In un'epoca difficile e vuota come quella attuale, un po' tutti coviamo nel cuore il bisogno di protezione dal male o il semplice desiderio di sfuggire ad una realtà priva di valori e spiritualità. Ecco che in libreria è tutto un fiorire di letteratura ispirata agli angeli e ai demoni, che ha attecchito in particolar modo tra gli adolescenti. 

L'angelo rappresenta una delle figure più amate, l'esatta antitesi dell'orco o dell'uomo cattivo. Ci hanno insegnato fin dall'infanzia che ognuno di noi ha un angelo custode che l'accompagna e lo protegge, tanto che, nelle preghiere della sera, si diceva: "Angelo di Dio, che sei il mio custode, illumina, custodisci, reggi e governa me, che ti fui affidato dalla Pietà Celeste, amen". Quindi è vero, l'angelo esiste, è un'entità invisibile e paziente pronta ad aiutarci all'occorrenza. Differente dai Santi che richiedono una devozione continua e tanto impegno. Gli angeli sono meno pretenziosi, non chiedono nulla in cambio, non rinfacciano nulla anche se li trascuriamo. A qualunque età, in ogni situazione, possiamo chiedergli aiuto o pregarlo per un'intercessione. Gli angeli ci somigliano e possono anche sbagliare tanto da divenire demoni, questa loro fallibilità ce li fa sentire vicini, come degli amici fidati, il tramite più immediato tra Cielo e Terra. La Chiesa ci insegna che il nostro angelo custode non può allontanarsi da noi, la loro missione è quella di aiutarci a superare ogni difficoltà.

San Pio di Pietralcina era un fan sfegatato degli angeli e asseriva di vederli sempre al fianco di ognuno. Numerosi studiosi e appassionati assicurano che ci sono molti metodi per entrare in sintonia col proprio angelo custode e che ognuno di noi può trovare spontaneamente il modo per entrare in contatto, la condizione fondamentale è la fiducia e il credere nella loro esistenza.

La Chiesa ha fatto degli angeli dei veri messaggeri di Dio, i tre Arcangeli sono i principali:

Gabriele (Messaggero della salvezza) fu inviato a Maria per l'annunciazione del Messia; Michele (Messaggero di coraggio e forza) scacciò i demoni che peccarono di superbia; Raffaele (Messaggero dell'anima e del corpo) vanta una lunga lista di patrocini: protegge viaggiatori, marinai, farmacisti, fidanzati, novelli sposi.