SANT'AGATA: UNA POESIA DEDICATA ALLA SUA FESTA

  • Stampa

  Nun c’è ventu, nun c’è acqua, ne bufera ne timpesta/ casca u munnu ma a Frivaru ogni annu si fa festa./ Si fa festa alla Patruna di Catania, virginedda…/marturiata finu a morti, sposa a Diu, nobili e bedda./ Fu Quinzianu, pritinnenti, ca ppi raggia e ppi dispettu/s’accanì senza ritegnu finu a scipparicci lu pettu./E patì supplizzi peni e ogni sorti di turtura/finu all’ultimu so sciatu ma ristò divota e pura./ Alla morti di la Santa, la città si ‘nginucchiava/ e lu focu di la lava sutta n’velu…s’arristava./ E accussì annu ppi annu, nun c’è ventu ne timpesta/ in unuri di la Santa a Catania si fa festa./ Tutti appressu alla Santuzza, Prisidenti, Cardinali…/ acchianata  San Giulianu, Culliggiati, Cattittrali…/la Carrozza ‘do Sinatu ccu li primi cittadini/ Cannalori ca’ annacata…Quattru canti…i Cappuccini…/ Li divoti tutti a fila…giuvineddi,nichi e granni/ ca trascinunu la vara…e t’arrizzunu li carni/ ccu li sacchi tutti janchi, tira tira lu curduni/c’è cu ‘nvoca la Santuzza…c’è cu striscia a ginucchiuni./ E lu coru a li Clarissi…e lu Duomu…e li sunati…/e li viali…e li traversi…comu stiddi alluminati./Bancarelli ccu turruni, cosi duci, cassateddi…/appustati strati strati, gnuni, viculi e vaneddi…/comu voli tradizioni…e sarà sempri accussì…/la sparata di li bummi chiazza Burgu…e, a sira o tri!/ Nun c’è ventu, nun c’è acqua, ne bufera, ne timpesta/ casca u munnu ma Catania a Frivaru si fa festa./ Lu splinnuri di la Santa, l’emozioni di la genti/ comu n’ecu ca cuntaggia tutti i cincu continenti./ Emigranti di luntanu…janchi,niuri, longhi e curti/ arrispunnunu cchiù forti…semu tutti divoti tutti…/ Ma ‘na vuci tra la fudda…si fa largu e acchiana jauta…/è la vuci di Catania: Cittadiniiiii….Evviva Sant’Aita!!!

                                             * Tratta dalla Silloge: " Cchiù luntanu di 'na stidda".

 

 

TRADUZIONE. A cura di Santo Privitera.

Non c'è vento, non c'è acqua, ne bufera ne tempesta/cade il mondo ma a Febbraio ogni anno si fa festa./ Si fa festa alla Patrona di Catania, verginella.../martoriata fino alla morte, sposa a Dio, nobile e bella./ Fu Quinziano, pretendente, che per rabbia e per dispetto/ s'accanì senza ritegno fino a strappargli il petto./ E patì supplizi e pene e ogni tipo di tortura/fino all'ultimo suo respiro ma restò devota e casta/ Alla morte  della Santa, la città si ingincchiava/ e il fuoco della lava sotto un velo...s'arrestava./ E così di anno in anno, non c'è vento ne tempesta/ in onore della Santa a Catania si fa festa./ Tutti dietro la Santuzza, Presienti, Cardinali.../la salita di San Giuliano, Collegiata, Cattedrale.../la Carrozza del Senato con i primi cittadini.../Candelore dondolanti...Quattro canti...i Cappuccini.../ I devoti tutti in fila...giovincelli,piccoli e grandi/che trainano la vara...e ti viene la pelle d'oca/ con i sacchi tutti bianchi, tira e tira il cordone/ c'è chi invoca la Santuzza...c'è chi striscia ginocchioni/ E il coro delle Clarisse...e il Duomo...e le suonate.../e i viali...e le stradine...come stelle illuminate./ Bancarelle col torrone, dolci, cassatelle.../posizionate lungo le strade, negli angoli,vicoli e traverse.../come vuole la tradizione...e sarà sempre così.../ i fuochi pirotecnici a piazza Borgo...e, la sera del tre!/ Non c'è vento, non cè acqua, ne bufera ne tempeste/ cade il mondo ma Catania a Febbraio si fa festa./ Lo splendore della Santa, lìemozione della gente/ come l'eco si diffonde lungo i cinque continenti./ Emigranti di lontano...bianchi, di colore, lunghi e bassi/rispondono più forte...siamo tutti devoti tutti.../ Ma una voce tra la folla...si fa largo e sale alta... è la voce di Catania: Cittadiniiiiiii....Evviva Sant'Agata!!!