LA POESIA: "Lamentu di li peri" di Anna Maria D'Arrigo

Share

 

LAMENTU  DI  LI  PERI

 

 Lu peri rittu dissi a chiddu mancu:

“Cridimi non c’ha fazzu propriu ‘cchiù!

Certu comu ‘na vota ‘cchiù n’arrancu,

ccu ttuttu stu gran pisu ju mi stancu! “

“Vadda cu si stancàu, cosi ‘dde pazzi!,

comu su caminassi sulu tu:

sempri ca ti lamenti gran birbanti,.…

e ‘ccu sti caddi, c’haje ‘ddiri ju?

Tant’anni arreri sì s’arraggiunava,

ora sta cosa propriu non po’ ‘gghiri,

è troppu grossa, la fatica è tanta,

certu ca ‘mpocu putissi ‘nsicchiri!

Minimu pisa ddi uttanta chila:

semu pirduti, è troppu pisanti

circamu di cunvinciri a signura

ca ‘ppi scalari prestu a ‘ffari a cura! 

                                Anna Maria D’Arrigo

 

 Traduzione

 Lamento dei piedi

 Il piede destro dice a quello sinistro: / Credimi non ce la faccio proprio più! / Certo come una volta più non corro / con tutto questo gran peso io mi stanco! “/ “Guarda chi si è stancato, cose dell’altro mondo! / come se si stancasse solo lui: / sempre che ti lamenti gran birbante,/ e con questi calli cosa devo dire io? / Molti anni fa sì si ragionava, / ora questa cosa proprio non può andare, / è troppo grossa, la fatica è tanta,/ certo che un po’ potrebbe dimagrire! /Minimo peserà sugli ottanta chili: / siamo rovnati, è troppo pesante, / cerchiamo di convincere la signora/ che per dimagrire presto bisognerà fare la cura. /

Informazioni aggiuntive