POESIE PREMIATE

  • Stampa

POESIE PREMIATE AL CONCORSO LETTERARIO

                                        VINCENZO PATERNO' TEDESCHI 2013

 

SEZIONE POESIA IN LINGUA ITALIANA -

1° CLASSIFICATA -  *LO SPECCHIO DELLA VITA* DI ANGELA S. BONO DI CATANIA

 

Nei sentieri dell'anima

raccolgo schegge di ricordi

che il vento disperde

in oniriche fragilità.

Albori attesi,

tracciano dissolvenze,

frantumano spazi

invisibili di silenzi.

Velami notturni,

annnegano nel fluire dei pensieri,

conservano fragranze

incantate di abbracci.

Nell'orizzonte,

lo specchio della vita

spande le sue luci,

assopite da oscure incertezze...

Scorre il tempo,

contaminato da paure, noie, delusioni,

assiepato da maschere

che sfidano il nulla.

Nell'orizzonte,

lo specchio della vita,

continua impenetrabile e sconfinato

il suo cammino,

per infuocare la nuda terra.

 

2° CLASSIFICATA - *LIBERTA'* DI CONCETTA SURIANI DI SOVERATO (CZ)

 

Ti amo, libertà

tu sei il mio amore.

Tu sei ebbrezza, felicità, sapore

sei quiete, scienza, canto

solitudine, coraggio,

sei aria, vento, luce,

malinconia e dolore.

Sei coraggio e dolcezza,

fierezza e compagnia

giovinezza e silenzio

pace sei, libertà.

Simile ad un puledro

che galoppa nel vento

fertile come terra

ricca di nutrimento

sentinella instancabile

di libertà perdute

ègida senza macchia

di libertà lottate

sigillo dell'Eterno

sull'umana natura

ardimento d'amore

dono sei, libertà.

Tu, sorgente dei sogni

dell'anima sei vela

tu, pienezza di vita

sei musica nel cuore

tu, sei spazio senza limiti

audacia ed espressione

desiderio fecondo

di volare senz'ali

magnifica compagna

dei giorni della vita.

Tutto sei, libertà!

 

3° CLASSIFICATA - *ARIA DI PRIMAVERA* DI SALVATORE PONZO DI CATANIA

 

Piante e fiori sparsi,

di chiarore primaverile,

danno tregua ad un viottolo

adornato da alberi.

Un vento mite, leggero

scuote le foglie dei peschi in fiore

che donano squarci di luce meridiana.

L'odore di abbrustolito,

annuncia l'aria di festa

proveniente da quel casolare bianco

reso ancora più candido

dalla serenità e la gioia

di un momento indelebile.

L'inverno del cuore lascia spazio

alla primavera fulgida

e riporta negli occhi colmi di gioia

anche chi non vedo

ma sentirò sempre presente

in quell'aria di primavera.

 

PREMIO SPECIALE ANTONELLO GERMANA' DI STEFANO

ASSEGNATO A *TRA PETALI DI LUCE* DI ROSA MARIA DI SALVATORE DI CATANIA

 

Tra i petali di luce dell'aurora

un canto senza sosta di cicale

abbracci di papaveri e ginestre

nella brezza che desta le corolle.

 

Nella lieve carezza del mattino

frammenti di memorie tra le dita

dolci ricordi di una vita intera

nascosti tra le pagine degli anni.

 

Scorre veloce il tempo alla fontana

dell'oramai lontana giovinezza

sul cuore posa già la nostalgia

le sue ali leggere di farfalla.

 

Ritorno con la mente al mio passato

a quell'intreccio lento di stagioni

a quell'età di canti e di colori

di orizzonti dischiusi ad albe nuove.

 

E resto in silenzio ad ascoltare

sussurri antichi perduti nel vento

per ritrovare i giorni e le parole

per far sbocciare gemme di speranza.

 

 

SEZIONE POESIA IN LINGUA SICILIANA

 

 

Poesia 1^ Classificata:

 

FAI CHIDDU CA FAZZU IU'

  Lu cori miu a lu to spusu vosi

cu li figghiuzzi toi, biddizzi rari.

Stai tranguilla unn'è ca tu riposi,

comu facevi tu cuntinuu a fari.

 Cu lu me ciatu ci dugnu du cosi,

amuri e vita, senza mai stancari

e crisciri li fazzu comu rosi,

onesti e santi: tu non ci pinsari.

 'Nta s'infinitu 'nfutu di suspiri,

unni attruvasti la paci di l'amma

c'è 'nciuri biondu ca mi fa suffriri.

 Cerculu tu ammacimi sta ciamma,

su chianci pigghiulu, fallu giuiri,

stringiulu, comu fussi sta so mamma! 

 

                                                Turi Spata di San Giovanni La Punta(Ct)

 

 

Poesia 2^ Classificata:

SUTTA LA CRUCI DI LI ME PINZERI

 'Ssittatu sutta 'n arvulu ummarusu

staju sularinu ccu li me pinzeri,

la menti stanca, lu sensu cunfusu

sfilannu cunti di tant'anni arreri.

 Ripensu l'anni mei, li me' trisori

ca la natura mi detti pi dota,

e scinni la tristizza 'nta lu cori

ca fineru li tempi di 'na vota

 quann'è ca picciutteddu spinsiratu

pari lu munnu appartinissi a mia,

di li me forzi priviligiatu

mi sinteva 'n pileri a la campia

 tistimoni ni sù li vrazza mei

terri 'mprignati di lu me' suduri,

ma ricivii 'n cumpensu tanti prei

c'ancora oggi mi dununu onuri.

 Codda lu suli, e mancu mi 'n addugnu

ca lu scuru va' stringi li so' denti

mi vaju dumannannu e mi 'ncutugnu

'rredi la scia di li sintimenti.

 Pigghiu la strata di lu me' ritornu

ccu 'n cori amaru ca mi sfilazzia,

e a passu lentu salutu lu jornu

strittu ammantatu di malincunia. 

                                           Gaetano Petralia di Catania

 

Poesia 3^ Classificata

'U NANNU SUPRA L'ETNA

 Lu cantu senti di la fecùnna natura

'u vecchiu supra la sciara.

 A lu ruppusu vastuni iddu s'appoja,

supra la tearra niura si movi passu passu.

 A lu niputi mustra

li chianti di li mani cù li caddi;

di lu travagghiu rigorda lu suduri;

di lu Ggicanti di focu nun temi li arrutti;

di lu sò amuri teni 'autu lu stinnàrdu.

 Cù l'occhi di lu cori talia

l'abbriri d'aranci, di limuni,

la vigna, lu piru, lu prunu.

 Ggiuvini ascuta lu nannu:

nun abbannunari la terra di tò patri;

nun cicari lu pani,

unni manca l'azzurru di lu cèlu

e paisana nun è la genti;

nun canciari la facci o Mungibeddu,

nun addumesticari lu sò urlu,

nun abbiancari lu niuru di li petri;

liga la vita tò o fumu, o ventu a cinniri,

o ciauru agru di lu surfaru,

scurriri sentirai lu focu 'ntra li vini:

  'u figghiu di l' Etna sarrai!

                                  Giovanni Querci di Messina

 

PREMIO SPECIALE "ANTONELLO GERMANA'-DI STEFANO" SEZ. LINGUA SICILIANA

 

Poesia vincitrice:

CIUSCIA LU VENTU

Ciuscia lu ventu.

 Secunnu comu vota

porta bonu

o fa dannu.

 S'arrimulìa ammenzu li ciuri

scialannu di ciauru

la campìa

e 'ncucchia li sinzini

a lu chiumpìri di li frutti.

 Joca furrialoru

rufuliannu pilocchi

ca 'ncugna dintra li 'ncagghi

pi nidu a lu pirucchiami

dannifica ppi la chiantimi

ca non pigghia piddu.

 Quannu 'nnarvulìa, 'nveci,

a sciancamennuli

sminnittìa tuttu chiddu

c'ammarra la so strata.

 Daccussì comu lu ventu

pazzìa l'omu!

 Nta la voria

russia d'amuri

suspira e bramusia

ma, cu l'amma juculana e ammucciarola,

tastìa biddizzi

e 'nzamai ci ammattissi

'n-cimicìu di gilusia

si 'ncutugna,

vunchia di boria

e siddu 'nnorva

sdirrubba casteddi

e distrurri sonnira.

                     Nico Coniglione di Mascalucia (Ct)