I SOGNI

  • Stampa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I sogni sono un'attività fisiologica fondamentale come mangiare e bere. Ma ci chiediamo da dove vengono, perché arrivano a noi, quale è il loro scopo. Spesso i sogni vanno al di là della nostra concezione di realtà trasportandoci in un mondo straordinario e assurdo che talvolta ci sconvolge. Essi restano per loro natura "misteriosi" e, anche la teoria più accreditata che li definisce semplici impulsi che si riproducono nella corteccia cerebrale, non soddisfa completamente chi si interroga sulla loro origine. E' innegabile che essi sono profondamente connessi al sognatore, intessuti tra realtà e dimensione onirica.

 

Ciò che pare certo è che il sogno attinge nell'inconscio dell'individuo ma quali siano il processo e le funzioni che lo creano sfugge alla comprensione. L'interesse e il fascino che circonda i sogni nascono proprio dal mistero che li avvolge. Numerosi esperimenti realizzati nei laboratori del sonno non hanno saputo comunque spiegare molti interrogativi. Il francese A. Maury avanzò l'ipotesi che essi fossero provocati da stimoli esterni, in realtà la maggior parte di essi occupa un tempo reale ma è vero anche che altri non lo fanno. S. Freud sostiene invece che il sogno "è la strada maestra verso l'inconscio" dunque, mentre dormiamo, vengono a galla sensazioni, pensieri, idee, immagini che evitiamo con cura durante le ore di veglia. Un'altra teoria suppone che il sogno sia un modo per elaborare informazioni che non ci colpiscono troppo durante il giorno ma che la notte tornano alla memoria per essere codificate, come se la nostra mente avesse bisogno di fare ordine e pulizia cancellando impulsi deboli e immagazzinando solo quelli più forti e interessanti. Talvolta capita che i sogni siano premonitori, che mostrino cioè azioni ed eventi che si verificheranno puntualmente in futuro. Molti di noi possono testimoniare che, almeno una volta nella vita, hanno avuto una tale inspiegabile esperienza. Sono di pubblico dominio alcuni sogni passati alla storia che preannunciavano l'affondamento del Titanic o l'attacco a Pearl Harbour durante la seconda guerra mondiale. In tutti questi casi la scienza non ha mai saputo dare alcuna spiegazione logica. Il sogno "fotografa" la situazione intima di un soggetto dunque un bisogno, un timore, una speranza, numerosi sono i professionisti che sanno come interpretarli per aiutarci a scoprire cosa possono significare. Meglio evitare di affidarsi a persone impreparate o, peggio, a disonesti approfittatori.

Nonostante l'estrema disponibilità della gente nel voler interpretare i sogni che si fanno ad occhi chiusi, viceversa c'è una generale tendenza a restare indifferenti nei confronti di quelli che si fanno ad occhi aperti. Sappiate che invece proprio da questi ultimi tipi di sogni scaturiscono i veri desideri. Bisogna però distinguere quelli realizzabili da quelli impossibili, concentriamoci su quelli più abbordabili e facciamo progetti ambiziosi per ottenerli. Meglio tentare di soddisfarli e riuscirci a metà che non avere sogni o obiettivi da raggiungere!