LA RECENSIONE: "MEMORIE DELLA GRANDE GUERRA" A cura di Vera Ambra

Share

Nella notte tra il 23 e 24 maggio del 1915, l’Italia entrò in guerra contro l’impero Austro-Ungarico. Fu il primo conflitto mondiale del Novecento che si tramutò in una vera e propria ecatombe. La Sicilia, per quanto geograficamente lontana dalle cruente operazioni belliche, offrì il proprio contributo. In migliaia si immolarono, soprattutto giovani, lasciando nei ricordi dei familiari indelebili ferite. Ma lo offrì anche in senso logistico se consideriamo che in diverse zone dell’isola vennero attrezzati campi di concentramento in grado di contenere migliaia di prigionieri nemici. Tutto questo è attestato con dovizia di particolari in una raccolta antologica di AA.VV. curata per i tipi di “Akkuaria” dalla scrittrice catanese Vera Ambra. “Memorie della Grande Guerra”, si intitola. Si tratta di un lavoro pubblicato nell’ambito delle celebrazione per ricordare il centenario dallo scoppio del conflitto bellico conclusosi con la vittoria italiana. Questo primo volume corredato da suggestive foto tratte da album privati, oltre a comprendere importanti notizie storiche, contributi letterari e testimonianze biografiche relative ad alcuni eroi siciliani caduti, raggruppa un cospicuo numero di lettere inedite inviate direttamente dal fronte di guerra. Forte è la sensazione di orrore misto a pietà che se ne ricava. Indipendentemente dagli atti eroici narrati,

 

ai sentimenti umani che affiorano, agli scenari di guerra che descrivono,a prevalere è sempre la supina rassegnazione di chi sa di essere quotidianamente in gioco col proprio e con l’altrui destino. Hanno contribuito alla realizzazione: la stessa curatrice, Antonio Bonelli, Erberto Accinni, Franco Presti,Francesco Giordano, Giacomo Di Blasi, Mariella Mulas,Mario Tona, Pippo nasca e Tommaso Mondelli.

Additional information