GALATEO PER L'USO DEL CELLULARE

Share

Il cellulare ha compiuto 40 anni. Il suo sviluppo tecnologico l'ha reso il nuovo compagno di vita, quello che ci ritroviamo sempre in tasca, in borsa, sul tavolo, sul comodino o in mano. Sempre più completo e multifunzionale ci permette di telefonare, mandare messaggi, navigare in internet, spedire e:mail, fotografare, filmare, registrare, trovare le coordinate geografiche, ecc. Tanto che, da oggetto del desiderio o strumento indispensabile di lavoro, si è strasformato in un invadente e fastidioso "ospite" che disturba noi stessi e gli altri. Per questo è importante usarlo correttamente tenendo conto del "galateo del telefonino. 

Prima regola: E' perlomeno ineducato dilungarsi in una conversazione telefonica quando c'è un'altra persona vicina costretta ad ascoltare, suo malgrado, cose che     non gli interessano.

Seconda regola: Quando si chiama bisogna chiedere: "Ti disturbo?" oppure "Posso parlarti adesso o ti richiamo?" E soltanto dopo la risposta positiva, si può avviare la conversazione.

Terza regola: Al ristorante non appoggiare mai il cellulare sulla tavola apparecchiata, è poco igienico e fastidiosamente scorretto.

Quarta regola: Spegnerlo quando si è in chiesa, a teatro, al cinema, durante convegni, riunioni, cerimonie o funerali. Non è carino farsi notare da tutti solo come maleducati.

Quinta regola: E' fastidioso sentirlo suonare anche in montagna quando si va a fare una passeggiata in mezzo alla natura incontaminata o al mare quando ci si rilassa. Il vicino di ombrellone potrebbe non gradire la suoneria e la vostra conversazione a voce alta. Meglio appartarsi in luogo più isolato e parlare a voce bassa restando al telefono il minimo indispensabile.

Sesta regola: Spegnere i cellulari su aerei, autobus, treni e altri mezzi pubblici. Anche sulle proprie auto, come contempla il codice della strada, è vietato l'uso del cellulare, a meno che, non sia supportato dal dispositivo di viva voce.

Settima regola: Anche sul luogo di lavoro è bene utilizzarlo solo se è veramente necessario, molto meglio evitare di metterlo in mostra e usarlo durante la pausa caffè. In pubblico o in fila alla posta, al supermercato, in banca, in qualsiasi ufficio, è bene rispondere dicendo: "Richiamo più tardi". Agli appuntamenti importanti come colloqui di lavoro, cene romantiche, in viaggio di nozze o in Tribunale, evitare di farsi sorprendere da inopportune chiamate. Anche le lezioni scolastiche sono degne di attenzione, dunque niente cellulari accesi a scuola.

Capita sempre più spesso invece di assistere a scene patetiche in stile Carlo Verdone in cui uomini ormai asserviti e destabilizzati dall'uso perpetuo del loro smartphone, stanno magari per dichiarare il loro amore alla propria donna ma... proprio in quell'istante, il cellulare squilla e, con convinzione, rispondono: "Pronto, no, non mi disturba affatto!"

 

Additional information