Moda Costume e Società

LE CARTE SICILIANE NELLE TRADIZIONI NATALIZIE

Share

Natale con i tuoi, Capodanno con chi vuoi; niente di più vero se consideriamo che il Natale è la festa del focolare domestico per antonomasia. Il detto passai 'a notti 'i Natali, nei suoi molteplici significati ci rimanda alle tradizionali giocate natalizie. Il Natale dei nostri padri era diverso. Altre abitudini, altri ritmi. Dopo una lauta cena a base di Crispelle(con la ricotta o con l’acciuga), Baccalà fritto, anguille e scacciate innaffiate dal buon vino delle nostre contrade,si apriva subito un altra tavolata: quella delle 40 carte. Nel tavolo da cucina prima imbandito da ogni ben di Dio, ecco apparire le carte siciliane. Cavallo, Re e Donna pippina ‘a strucchia( Donna di coppe) da li a qualche minuto avrebbero invaso la scena. L’ammonimento dei nonni ai nipoti era sempre lo stesso: “Accura figghi, i catti su quaranta diavuli: ‘nta stu libbru non vi cci affacciati mai. Si, perché il gioco delle carte (una volta non c’erano i videopoker) poteva portare facilmente all’azzardo. Alle ragazze si consigliava: Bavasceri pigghiulu, iucaturi lassilu. Eppoi di seguito: L’omu ca ioca forti, vali quantu ‘ndui di coppi quannu a briscula è a oru. Come dargli torto? Tralasciando il Poker, Baccarat, Chemin de fer, giochi d’azzardo erano considerati la Zecchinetta il Tresettre lo Stop e altri. Meglio se praticati nei casinò o nelle infime taverne, non certo a casa. In relazione al ceto sociale e al contesto, ciascuno nel gioco delle carte ha impresso le proprie abitudini. In una famiglia cosiddetta “patriarcale” si è sempre giocato per passatempo. “Soddi spicci ‘nnaiii…” parafrasava la famosa canzone cavallo di battaglia di Frank Sinatra (Strangers in the night); questo per invitare i partecipanti a munirsi di soldi spiccioli perché più di 10 lire a puntata non era ammesso fare. E allora si cominciava col Sette e mezzo. In questo gioco di comitiva, la carta più ambita era il re d’oro ( ‘A matta). Quando veniva pescata,

Read more: LE CARTE SICILIANE NELLE TRADIZIONI NATALIZIE

MA COME PARLI?

Share

 E’ diventato un problema. Davvero non è facile per i linguisti districarsi tra quotidiani neologismi sfornati ad impronta; abbreviazioni, punteggiature abusate e quant’altro viene lanciato nei circoli dell’etere. “Riavvolgi il nastro, non essere segovio(noioso); scatta caz…, ci vediamo a Marzullo( mezza notte) stasera per gabbibbare un po’”; “Vieni con me in riva al mare, ci saccapeliamo insieme per strafugnare alla grande”(Strafugnare” non è una parolaccia, significa “Strapazzarsi di coccole”).Cosa sta succedendo alla Lingua italiana? Sarà tutta colpa della televisione, del computer, dei telefonini e di chissà quali altre diavolerie mediatiche, sta di fatto che il modo di comunicare è radicalmente cambiato. Se in bene o in male sarà il tempo a stabilirlo. Per adesso si è nel limbo. Dalle nostre parti,

Read more: MA COME PARLI?

"REQUIEM PER UN PONTE"

Share

http://paternotedeschi.jimdo.com/storia-e-attualit%C3%A0/?logout=1

ATTUALITA': "ADDIO AL PONTE"

Share

E' iniziato il  countdown. Domani verrà abbattuto il Cavalcavia del Tondo Gioeni. A cadere sotto i colpi delle pale meccaniche è  un vero e proprio "monumento" della viabilità cittadina. Da quando nel 1964 e' stato inaugurato, attorno "U' Ponti" , nel bene e nel male, è fluita la vita di una intera generazione di catanesi . Tante foto, tanti filmati  e qualche "luccicone" : chi l'avrebbe mai immaginato. Niente sarà più lo stesso. Tra qualche giorno, passare da lì sarà come attraversare il tempo. Tutti al suo capezzale, dunque, per un ricordo storico da conservare per i nostri nipoti.

Tanto tuonò, che piovve, per il cavalcavia del Tondo Gioeni in via di demolizione si addice questo detto che tradotto in lingua catanese suona pressappoco così: tantu ‘u rìssunu co’ fìciunu. Inevitabilmente il pensiero corre all’autunno del 2002 allorquando nel breve volgere di pochi minuti una voce sinistra si diffuse: Sinni calàu ‘u ponti!. Qualcuno scese nei dettagli: Bedda Matri..quantu motti! Quella che poi si sarebbe rivelata fortunatamente una clamorosa “Bufala”, suonò come un campanello d’allarme: E se si fosse verificato davvero? In applicazione alle norme antisismiche, una pubblica struttura che non possiede i giusti requisiti è destinata a essere eliminata. Era toccato al ponte di Ognina, ora e' la volta del cavalcavia più celebre di Catania. Per i tradizionalisti è un boccone amaro da ingoiare.

Read more: ATTUALITA': "ADDIO AL PONTE"

QUESTO NON E' AMORE

Share

 LE CIFRE DI UNA STRAGE QUASI QUOTIDIANA

127 lo scorso anno, 30 in questa prima parte del 2013 e un'escalation ben più drammatica in queste ultime settimane. Dal 2001 al 2011 ben 210 donne uccise in Italia soprattutto madri di famiglia tra i 25 e i 54 anni, vittime innocenti della rabbia, del rancore, della gelosia, di un sentimento di bieco possesso. 

Read more: QUESTO NON E' AMORE

Additional information