FOLKLORE CATANESE: “I FIGLI DELL’ETNA”

Share

Nell’ambito della rassegna di musiche e canti Folklorici ed etnici che si è svolta in questi giorni a Vigiano in provincia di Potenza, un importante riconoscimento è stato assegnato al Gruppo Folklorico catanese “I Figli dell’Etna”. La compagine catanese che fu diretta per lunghissimo tempo dalla compianta maestra Rita Corona, figlia di Gaetano Emanuel Calì indimenticabile autore della celebre mattinata “E Vui Durmiti ancora”, è stata molto apprezzata per la professionalità musico-scenografica messa in mostra. La rassegna Nazionale dal titolo “Riconoscimento Padri e madri del Folklore” organizzata dalla Federazione Italiana Tradizioni Popolari(F.I.T.P.)  ha registrato la partecipazione di un nutrito numero di gruppi provenienti dalle varie regioni d’Italia. Due le categorie partecipanti: la prima riservata ai gruppi etnici di nuovi canti popolari, la seconda invece dedicata ai gruppi folklorici tradizionali. Dei nove gruppi che si sono esibiti in quest’ultima sezione, “I figli dell’Etna” sono stati i più votati. Con l’occasione hanno proposto la versione integrale dell’antico canto popolare “‘L’amaro caso della Baronessa di Carini” tratto dalla colonna sonora dello sceneggiato televisivo andato in onda alla Rai nel 1975. “Una esibizione”-spiega il rappresentante del gruppo e presidente regionale F.I.T.P. Vincenzo Amaro-“che ha proposto alcune innovative variazioni coreografiche e scenografiche, a mio avviso determinanti ai fini del conseguimento del prestigioso riconoscimento.”  “I Figli dell’Etna” vantano un curriculum di tutto rispetto. Rappresenta il naturale proseguimento dei “Canterini etnei”, gruppo  fondato da Gaetano Emanuel Calì nel 1929. Non a caso, a garanzia del naturale ricambio generazionale, molti dei 50 componenti sono giovani. Nel corso della sua lunga attività, la compagine ha girato il mondo portando ovunque il vessillo della sicilianità. Rita Corona lasciò la direzione solo pochi anni prima della sua scomparsa avvenuta nel 2012 a quasi cento anni di età.  

                                                                                                                                                              

Nella Foto, il gruppo “I Figli dell’Etna”

Additional information