PRESENTAZIONE LIBRO: "PASSATO, TRASCORSO E PRESENTE " Di Benedetto Scandurra

Share

È stato presentato al Centro culturale V.Paterno’-Tedeschi il libro “ Passato, trascorso e presente” dello scrittore catanese Benedetto Scandurra. Ne ha discusso con l’autore, Santo Privitera davanti a un folto pubblico che ha seguito con interesse. Si è trattato di un lavoro di memorie autobiografiche ambientato a Barriera del Bosco, luogo di nascita dello Scandurra, precisamente tra le vie Vitaliti, Passo Gravina e Carrubbella. Niente spazio, neanche un po' alla fantasia: Tutto autenticamente vero. A quell'epoca, Barriera del Bosco era un piccolo eden ricco di orti e di giardini. Le ville nobiliari spiccavano rispetto alla stragrande maggioranza di umili abitazioni che costellavano l'intero territorio popolato da contadini e carrettieri. Sparsi qua e là, piccole fabbriche che davano lavoro agli artigiani del luogo. Il libro si divide in tre parti: La nascita, i ricordi più cari, le stagioni della vita. Uno spaccato di vita vissuta tra gli anni ‘50-‘70 dello scorso secolo e fino ai nostri giorni. Anni molto laboriosi che hanno fatto registrare un profondo cambiamento del tessuto sociale e urbanistico del quartiere ubicato nella estrema periferia a Nord della città. Con linguaggio semplice e fotografico, a tratti lirico, misto di dialetto e lingua italiana, Scandurra ha narrato con arguta minuzia luoghi, personaggi e avvenimenti che lo hanno visto protagonista. Esperimento riuscito. Dalla complicata nascita e fino all’ adolescenza è stato tutto un susseguirsi di eventi descritti con lucidità e passione. La vita di un ragazzo dalle modeste condizioni economiche che la famiglia ha però cresciuto con amorevole cura.  Si lavorava per vivere, lo studio era un lusso alla portata di pochi. Le ferite della guerra erano ancora vive nelle carni della popolazione. Frugando nella memoria, i tempi cronologici sono stati rispettati con dovizia di particolari. Tanti i personaggi citati: dall'amico del cuore Saretto a don Giuseppe Zammataro parroco della chiesa S.Maria del Carmelo; dalla cugina Alfia  alla famiglia d'Alì e molti altri: tutti ebbero un ruolo più o meno importante nella sua vita.  Non sono mancati i riferimenti alle tradizioni popolari siciliane, agli abituali riti religiosi, agli amici occasionali, a quelli del cuore, e soprattutto a quel mondo contadino scomparso ma ben vivo nel cuore e nella memoria di chi ha scritto. Nel corso dell’incontro, alcuni passi del libro sono stati magistralmente letti da Orazio Costorella. 

 

Additional information