TORNA CARO IDEAL

Share
Torna caro ideal” questo è il titolo della conferenza svolta domenica scorsa dal collezionista e critico musicale Nunzio Barbagallo per il Centro culturale Paternò-Tedeschi”. Al centro della mattinata, la figura nobile e professionale del musicista Francesco Paolo Tosti( Ortona 1846–Roma 1916) il “padre” della Romanza italiana cosiddetta “da Salotto”. Siamo in piena Belle èpoque; in quella lunga stagione che dal 1876 e fino alla prima guerra mondiale ha dominato la scena socio culturale dell’Europa. Alla luce delle sue composizioni che furono altrettanti successi, F.P.Tosti possiamo considerarlo lo Strauss di casa nostra. Musica raffinata la sua, decandentista per definizione; collocabile tra l’operetta e l’opera lirica. “Non a caso”-osserva Barbagallo “Tosti fu allievo del maestro Saverio Mercadante, grande amico e sodale di Vincenzo Bellini. A San Pietro a Majella di Napoli, il musicista abruzzese si diplomò in violino e composizione. Visse per un lungo periodo a Londra prima di tornare definitivamente in Italia. Tra i suoi grandi successi ricordiamo “Sogno”, “Malía”, “Serenata”, “Non t’amo più”, “Torna caro ideal”. Ma Tosti ha anche consegnato alla canzone classica napoletana due pregiate perle” “ ‘A Vucchella”, su testo di Gabriele D’Annunzio, e “Marechiaro” su versi di Salvatore Di Giacomo. Dopo avere parlato in sintesi della biografia del musicista, Barbagallo ha sfoderato una delle sue chicche: il film del 1939 “Torna caro ideal” per la regia di Guido Brignone. “ Il film dei buoni sentimenti” come lo ha definito lo stesso relatore. Nel cast attori e attrici poi divenuti celebri: Claudio Gora e Laura Adani, tra questi. Nel corso della mattinata c’è stato il tempo per ascoltare alcune romanze di Tosti, eseguiti rispettivamente dal tenor spagnolo Diego Florez(Torna caro ideal); Joan Sutherland(Serenata) e Luciano Pavarotti( ‘A Vucchella). Nel Film, le voci delle romanze sono del Soprano Pia Tassinari e del Tenore Ferruccio Tagliavini.
 
 
 
 
 
 
 

Additional information